Migliora leggibilitàStampa
18 luglio 2012 ,

Roy Paci & Aretuska

29/06/2012, "Notte in Bianco" Loano (SV)


roy-paci-aretuska-Roy Paci e Aretuska sono l'attrazione principale della “Notte in bianco” che è svolta a Loano il 29 giugno. In Francia o in Romagna una notte bianca comincerebbe a mezzanotte e il gruppo di punta di esibirebbe alle 4. In Liguria invece le notti bianche cominciano alle 15 (?!) e i musicisti iniziano alle 21 e 30.  Prima (o durante) l'esibizione di Roy suonano parecchi altri, faccio il giro per sentirne il più possibile, spesso sono bands composte da amici, in una suona mio fratello, si tratta in gran parte di cover band, anche se tecnicamente molto brave. Tenuto alto il nome della famiglia raggiungo la piazza dove suonano gli Aretuska.  Sotto il palco un migliaio di persone, che ballano scatenate, anche i più insospettabili. Gli Aretuska sono  una macchina ritmica eccezionale, fonte di ritmo inesorabile, mescolano, ska, reggae, soul, rock e chi più ne ha più ne suoni. “Mambo Italiano” la fanno diventare “Canto Siciliano”.

 

Il brano più applaudito è “Malarazza” del grande Mimmo Modugno (ma in un concerto dell'anno scorso avevano cantato anche “Bella ciao”, stavolta no, consiglio politico?). Sul palco sono in nove, Paci oltre a cantare è un valido trombettista, anche se io preferisco a quelli come lui che insistono sugli acuti lo stile soffice alla Davis/Baker. Gli altri musicisti sono tecnicamente ineccepibili, ma non hanno un grande spazio solista, scopo della band è far ballare e ci riescono egregiamente.  Gran finale con Toda joya, toda beleza e One step beyond dei Madness che diventa Seven nation army, ma non porterà fortuna agli azzurri... Sul piano del divertimento una serata ottima, ma non so se comprerei un disco degli Aretuska. È musica da ballare e saltare, anche se i testi hanno messaggi politici forti e condivisibili. Sul piano tecnico mi erano piaciuti di più The Marciellos, un cover band degli Skatalites vista un paio di sere prima, che aveva una sezione fiati che prendeva begli assolo e un batterista più leggiadro. Però con Roy Paci, che è anche un bravo entertainer, ti fai prendere dal ritmo, la folla ti coinvolge e ti diverti un mondo.

Alfredo Sgarlato
Inizio pagina